Sono circa 18.000 le persone fuggite da Mogadiscio nel mese di agosto

Sono circa 18.000 le persone fuggite da Mogadiscio nel mese di agosto a causa dell’insicurezza e delle violenze sporadiche. Lo riferisce l’ultimo bollettino dell’Ufficio per il coordinamento degli Affari Umanitari delle Nazioni Unite (Ocha), precisando che a partire dal mese di giugno in totale oltre 50.000 civili hanno lasciato la capitale.

Secondo le informazioni raccolte dall’Onu, la maggior parte dei civili in fuga da Mogadiscio nelle ultime settimane proveniva dai quartieri di Haliwaa e Yaaqshiid, teatro recentemente di scontri tra le forze governative (soldati etiopi e somali) e le milizie di insorti antigovernative. Questo flusso di sfollati volontari, sottolinea la nota dell’Ocha, si aggiungono poi oltre 6000 persone allontanate dalle autorità somale perché avevano creato le loro abitazioni all’interno di proprietà pubbliche che il governo sta lentamente tentando di rimettere in funzione.