Nuove violenze a Mogadiscio.11 morti in 24 ore

Almeno undici persone – tutte civili – sono rimaste uccise, ed un’altra trentina ferite, tra ieri sera ed oggi, a Mogadiscio, i cui abitanti vivono terrorizzati per un’ondata di attentati terroristici. L’esercito etiopico, alleato del governo somalo, ha ucciso oggi sei persone – ferendone altre 26 – allorchè ha aperto il fuoco contro un autocarro, ritenendo che a bordo vi fossero insorti, a quanto hanno riferito testimoni. Nella notte scorsa, due civili son rimasti uccisi da colpi di arma da fuoco in incidenti diversi, avvenuti nella capitale. Dal 1991, la Somalia è attanagliata dalla guerra civile. La situazione a Mogadiscio è peggiorata sensibilmente dalla caduta, sette mesi e mezzo fa, delle corti islamiche che, da diversi mesi, controllavano la quasi totalità del sud e del centro del paese. Insorti – tra i cui ranghi sono schierati degli integralisti islamici – compiono attacchi contro le forze governative somale ed etiopiche, che reagiscono violentemente.