Categoria: Somalia

L’intento è dei più semplici e allo stesso momento dei più complessi: cercare di monitorare gli avvenimenti che interessano la vita sociale e politica di un paese in guerra.

La Somalia porta sulle spalle un fardello fatto di 14 anni di guerra civile, che ha ucciso 300 mila persone e sfollato milioni e milioni di vittime incolpevoli di un conflitto la quale logica è il perseguimento degli interessi economici di alcuni.

Alcuni contro milioni, alcuni contro tante vite spezzate, tante esistenze degradate, che soffrono la quotidianità di una guerra che non li interessa da vicino ma ne condiziona la vita e ne determina la morte.

Quattordici Conferenze di Pace, in altrettanti anni di guerra civile, hanno prodotto un Governo di Transizione, insediato a Jowhar, che può contare su un esercito e un corpo di Polizia composta da 1500 elementi.

Mentre si attende che un governo stabile possa nascere nella storica capitale di Mogadiscio, in Somalia, si vive una sorta di “pace armata”, mentre la stessa Mogadiscio è nelle mani degli estremisti islamici e dei superstiti signori della guerra.

L’obiettivo di questa nuova sezione è quella di fare costantemente il punto della situazione, cercando di fornire, di volta in volta, gli strumenti necessari per comprendere la condizione di un paese dimenticato, un popolo dimenticato, di una guerra dimenticata.

Inaugurano la sezione quattro articoli di Angelo Ferrari, giornalista di AGI e dell’Europa
.

Conferenza di pace:3 feriti per colpi di mortaio

Sette colpi di mortaio sono caduti su Mogadiscio nel primo giorno della conferenza per la pace in Somalia e hanno provocato tre ferite. Lo hanno riferito fonti della polizia del Paese. Inizialmente, si era parlato dell’esplosione di un solo colpo….

Conferenza di pace subito sospesa

E’ stata aggiornata a giovedi’ prossimo la Conferenza di pace sulla Somalia, iniziata oggi a Mogadiscio. La decisione e’ stata presa per via dell’assenza di alcuni delegati. Ne ha dato notizia il presidente, Ali Mahdi Mohamed, ex signore della guerra,…

Conferenza di pace; Onu ed Ue non vanno

Le Nazioni Unite hanno deciso per ragioni di sicurezza di non andare domani su Mogadiscio, dove -in un clima drammatico, battaglie anche nella notte- si inaugurerà la conferenza di riconciliazione nazionale somala. Ciò comporta che le delegazioni ufficiali del Palazzo…

Ministro degli Esteri etiope:stop alle violenze

Le violenze in Somalia devono cessare al più presto. Sono le parole di Seyoum Mesfin, ministro degli esteri etiope, rilasciate ieri a Lisbona, a margine di un incontro tra rappresentanti dell’Unione europea e l’Autorità intergovernativa di sviluppo (che raggruppa 6…

Presidente:la violenze non fermerà
la Conferenza di pace

Il presidente somalo, Abdullahi Yusuf, ha promesso che la conferenza per la riconciliazione nazionale prevista per domenica non sara’ fermata dalla violenza che scuote quotidianamente Mogadiscio. ”La conferenza di riconciliazione e’ prevista per il 15 luglio, e vi dico che…

Capo delle Corti islamiche rifugiato in Eritrea

Nella notte tra l’11 e il 12 luglio, le strade di Mogadiscio sono state ancora teatro di violenti combattimenti, con almeno sei esplosioni che questa volta hanno colpito tre diversi quartieri della città: il mercato di Bakara, il quartiere di…